la nostra storia:  1945, la fine della guerra, creazione del SNS...

Il Sindacato Nazionale Scrittori è stato fondato nel gennaio 1945 su iniziativa di Corrado Alvaro - che ne fu primo segretario - Libero Bigiaretti e Francesco Jovine, d’intesa con la CGIL di Giuseppe Di Vittorio, nell’intento di rinnovare in modo radicale l’istituzione degli scrittori di epoca fascista, creata nel 1928. Nel clima culturale del momento  il SNS viene individuato come organizzazione idonea a svolgere compiti di tutela sindacale e promozione professionale, arrivando a raccogliere tra gli autori un largo seguito e ad annoverare nelle proprie file nomi illustri della letteratura italiana: nel 1948 si trovano nel direttivo Sibilla Aleramo e Bonaventura Tecchi, nel 1950 entra a farne parte Elio Vittorini, nel 1956 Vasco Pratolini.

L’SNS promuove inoltre la nascita, sancita al congresso di Napoli del 1958, della Organizzazione degli Scrittori Europei, che conterà fra i dirigenti Albert Camus, Roger Caillois e Thomas S. Eliot. Negli anni seguenti, tra i segretari e dirigenti del sindacato italiano ci saranno Emilio Cecchi, Guido Piovene, Giuseppe Ungaretti, Alberto Moravia e Carlo Cassola. Nel 1968 l’organizzazione diviene un punto di riferimento per gli scrittori engagés, continuando poi a svolgere nei decenni successivi un’opera di aggregazione tra gli autori attivi nel panorama culturale italiano.

L’SNS è anche membro fondatore dello European Writers’ Council (già European Writers’ Congress), la federazione europea a cui fanno capo le organizzazioni di autori di tutti i paesi europei. La prima sede dell’organizzazione europea è stata Monaco,  dal 2008 la sede è a Bruxelles (EWC-FAAE, 87 Rue du Prince Royal), nel cuore della politica europea.

 

L’attività odierna dell’SNS intende promuovere i valori culturali contenuti nella difesa della libertà di espressione, nel sostegno alla creatività e nella tutela del diritto d’autore. Questi gli obiettivi per i quali  il sindacato si batte: una revisione innovativa delle attuali norme sul diritto d’autore per definire e migliorare la tutela della condizione professionale di tutti i creatori di opere dell’ingegno; un nuovo modello di contratto di edizione; un confronto costruttivo con il mondo dei nuovi mezzi di comunicazione; l’istituzione di forme di previdenza per il complesso mondo professionale degli autori.

Il Congresso del maggio 2007 ha confermato Alessandro Trigona Occhipinti nella carica di segretario generale, ha eletto Giuseppe d’Agata come Presidente  e ha sancito il rientro del Sindacato nella CGIL.

 L’SNS è organizzato su base territoriale (sezioni regionali in Lombardia, Toscana, Umbria, Lazio, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia). Dal 2004 esiste anche una Sezione Traduttori, che offre informazioni e servizi riguardanti tutti gli aspetti della professione di traduttore editoriale attraverso il sito www.traduttorisns.it.

Un delegato SNS è anche presente nel CETL- Conseil Européen des Associations de Traducteurs Littéraires


 

 

sede legale Sindacato Nazionale Scrittori : Via Buonarroti, 12  I-00185 ROMA RM
tel.+39.06.485601   -   fax +39.06.48901252 www.sindacatoscrittori.net

 

il Sito dell'Archivio Storico SNS è a cura dell'associazione Formafluens, diretta da Tiziana Colusso

 

contatto: (colusso@sindacatoscrittori.net)